Tempo di Lettura stimato: 4 minuti

Se hai iniziato un business in e-commerce, sembra che ci sia sempre un’altra cosa da fare per attirare più clienti.
L’assunzione di un consulente potrebbe aumentare le possibilità di successo durante l’implementazione di queste strategie.
Personalmente lavoro con molte aziende e startup che hanno deciso di intraprendere l’attività online e godere di tutti i benefici e le entrate che questa tipologia di business ti permette di ottenere.

Tuttavia, navigare in queste acque e trovare una corrispondenza con l’adattamento e il prezzo del progetto può essere complicato. Ecco le domande che dovresti porti prima di assumere un consulente e-commerce:

1. Quanta crescita credo che sia possibile nei prossimi 12 mesi?

Spiegare le tue aspettative di crescita significa avere una maggiore possibilità di assumere un consulente che sia sulla stessa frequenza.
Se ritieni che la crescita del 100 percento sia fattibile e il consulente prevede di consegnarti il 20 percento, allora sai che probabilmente non è adatto al tuo progetto ma ce ne sono moltissimi altri che si fanno caricoi dell’intero progetto (me compreso) e ti permettono di dedicarti al tuo vero business, portandoti il tuo business online a livelli più che accettabili.

Se non sei sicuro di quanto pensi di poter crescere in un anno, guarda la media del tuo settore.
Se non riesci a trovarlo, cerca altre aziende nel tuo mercato.
Dai un’occhiata alla tua infrastruttura.
Considera quanto puoi ridimensionare in base al fatto che la tua attività sia basata su prodotti o servizi.

2. Conosco già il problema che voglio affrontare?

Porta problemi concreti che vuoi rivolgere ad un consulente, ma resta flessibile sulla soluzione.
I consulenti sapranno di più su dove è possibile apportare miglioramenti.
Ecco perché li stai assumendo.
Mantieni una mente aperta, specialmente quando i consulenti ti mostrano una soluzione che potrebbe non essere ortodossa o diversa dalla tua visione originale.

Leggi Anche  3 consigli per migliorare la user friendly del tuo e-commerce

Ricorda, i consulenti spesso tendono a spendere soldi per risolvere i problemi, mentre il cliente (tu) tende a preferire soluzioni che non costano molto.
Diffidare di soluzioni troppo costose, ma anche capire che è necessario spendere soldi per fare soldi.

3. Cosa ti aspetti che faccia?

Le aspettative non realistiche, su entrambi i lati della relazione, sono un problema comune nella consulenza e-commerce.
Invece di aspettare una revisione di fine anno, definisci chiaramente il ruolo del consulente e fissa parametri di riferimento regolari.
Se il progetto inizia a decollare, devi decidere se credi nel processo del tuo consulente.
Da lì puoi decidere di mantenere il tuo consulente attuale e azzerare i tuoi benchmark o iniziare a cercare un consulente che si adatterà meglio.
Personalmente sono favorevole a continui e frequenti checkup via skype con il responsabile dell’azienda per aggiornarlo riguardo ai progetti, poi fissiamo anche incontri in ditta dove passiamo anche una giornata a lavorare assieme al progetto perchè preferisco far comprendere al responsabile qual’è il lavoro da svolgere e renderlo partecipe dell’insieme.

4. Qual è il tuo budget per questo progetto?

Incontra alcuni consulenti e scopri come fanno pagare i clienti.
Richiedi le offerte dei consulenti che incontri e scegli la migliore del gruppo.
Ricorda che tutto è negoziabile.
Non essere avaro, ma cerca soluzioni creative che funzionino sia per te che per il tuo consulente.
Spesso un consulente serio permette formule di pagamento frazionate o ad acconto e pagamento a “rate” con scadenze prefissate, cerca, si, di scegliere il più onesto ma anche sulla base di quello che è in grado di apportare alla tua azienda come valore.

Personalmente valuto assieme al cliente le modalità di “azione” ed anche quelle relative ai pagamenti perchè ogni progetto è differente, così come ogni cliente.

5. Quale voglio che sia il mio ruolo?

Chiediti se vuoi eseguire un piano basato sulla documentazione e sulla guida di un consulente o se vuoi dare le redini al tuo consulente.
In base a ciò, disponi i risultati che ti aspetti dal tuo consulente.

Leggi Anche  Le 7 domande che dovresti porti prima di cercare un consulente e-commerce

In ogni relazione, ci saranno domande che si apriranno e trascureranno le attività.
Organizza una riunione o una teleconferenza settimanale per prendere queste cose prima che si instauri un rapporto poco basato sulla interazione tra le parti.

6. Voglio concentrarmi sulla crescita dei clienti o dei profitti?

La risposta a questa domanda si basa in gran parte su dove ti trovi nel tuo ciclo aziendale.
Se sei una startup, vorrai concentrarti sulla crescita complessiva.
Se sei un’azienda più affermata, la crescita dei profitti potrebbe essere migliore alla luce dei tuoi obiettivi.

Indipendentemente da ciò, la crescita della linea superiore è più facile da capire in un bilancio.
L’obiettivo è quello di creare obiettivi basati sul profitto anche se non lo vedi nel tuo progetto complessivo.

Ad esempio, aumenta le tue entrate di punta ma scegli di reinvestirle nella tua azienda proprio come fa Amazon.
Hai aumentato la crescita dei tuoi profitti ma non li vedrai nei profitti dal momento che li hai reinvestiti.

In alternativa, puoi assumere un consulente per entrare e tagliare i costi, aumentando i profitti.
Forse vedranno un posto dove è possibile ridurre i costi nel marketing senza vedere alcuna perdita nelle vendite.
Le tue vendite di punta non aumenteranno, ma il tuo profitto netto vedrà un bel dosso.

7. Sono disposto ad investire denaro per fare soldi?

Tutti concordano filosoficamente, ma quando arriva il momento di scrivere l’assegno ci innervosiamo e ripensiamo perché non è garantito fare soldi sul back-end.
Riformulare la domanda a “Sei disposto a spendere € X per eventualmente fare di più?”

Se hai bisogno di un consulente e-commerce contattami subito e fisseremo un incontro (anche via Skype) per valutare il tuo caso.

Leggi Anche  10 suggerimenti per favorire il successo dell'affiliate marketing per il tuo negozio di e-commerce

Non esitare a contattarmi!