Tempo di Lettura stimato: 3 minuti

Vuoi dare un bel po’ di velocità alla tua VPS attraverso un modulo che ti permetterà di ottimizzare “al volo” il codice CSS, Javascript ed HTML?

Ti posso assicurare che con questo tutorial tramite un semplice client SSH ed un copia ed incolla dei comandi potrai raggiungere dei risultati molto positivi riguardo la velocità di caricamento delle tue pagine.

Introduzione: Cos’è il modulo pagespeed?

Mod_pagespeed è un modulo Apache open source utilizzato per ottimizzare automaticamente le pagine Web. Rende il Web più veloce riscrivendo le pagine Web per ridurre la latenza e la larghezza di banda. Mod_pagespeed fornisce anche molti filtri di ottimizzazione che vengono utilizzate per ottimizzare i vari file, come csshtmlpng, e jpg.

In questo tutorial, spiegherò come installare e configurare il modulo Mod_pagespeed con Apache su Ubuntu 16.04.

Prerequisiti

  • Un’istanza del server Vultr Ubuntu 16.04 appena distribuita con Apache installato.
  • Un utente non root con i privilegi di sudo impostati sul tuo server.
  • Un indirizzo IP statico 192.168.15.110 configurare sul proprio sistema.

Passaggio 1: aggiornare il sistema

Prima di iniziare, aggiorna il tuo sistema all’ultima versione stabile eseguendo il comando seguente:

					

sudo apt-get update -y
sudo apt-get upgrade -y
sudo reboot

Passaggio 2: installare Mod_pagespeed

Puoi scaricare l’ultima versione stabile del modulo Mod_pagespeed per Apache dal suo sito ufficiale. Altrimenti puoi scaricarlo con il seguente comando:

					

wget https://dl-ssl.google.com/dl/linux/direct/mod-pagespeed-stable_current_amd64.deb

Una volta completato il download, installalo eseguendo il comando seguente:

					

sudo dpkg -i mod-pagespeed-stable_current_amd64.deb
sudo apt-get install -f

Al termine dell’installazione, sarà necessario riavviare il servizio Apache per caricare il modulo:

					

sudo systemctl restart apache2

È possibile verificare il modulo Mod_pagespeed eseguendo il curlcomando seguente :

Se tutto ha avuto successo, vedrai il seguente output:

HTTP/1.1 200 OK
Date: Mon, 28 Nov 2016 15:28:51 GMT
Server: Apache/2.4.7 (Ubuntu)
Accept-Ranges: bytes
Vary: Accept-Encoding
X-Mod-Pagespeed: 1.11.33.2-0
Cache-Control: max-age=0, no-cache
Content-Length: 10724
Content-Type: text/html; charset=UTF-8

Passaggio 3: configurare il modulo Mod_pagespeed

È possibile configurare il modulo Mod_pagespeed in diversi modi. O puoi usare il pagespeed.conffile predefinito per configurarlo per l’intero server, oppure puoi mettere tutte le sue impostazioni nella tua direttiva host virtuale.

Iniziamo modificando il pagespeed.conffile predefinito :

					

sudo nano  /etc/apache2/mods-available/pagespeed.conf

Per disabilitare il modulo Mod_pagespeed, cambiare la riga da onoff.

Mod_pagespeed utilizza diversi tipi di livelli che rende la configurazione semplice come PassThroughCoreFiltersOptimizeForBandwidth. L’impostazione predefinita è:

					

ModPagespeedRewriteLevel CoreFilters

Per disabilitare CoreFilterscambiare le linee in:

					

ModPagespeedRewriteLevel PassThrough

Passaggio 4: accedere all’interfaccia Web Mod_pagespeed

Il modulo Mod_pagespeed fornisce un’interfaccia web per visualizzare lo stato del server. Sarà necessario aggiungere l’indirizzo IP della macchina remota nel pagespeed.conffile per accedervi da una macchina remota.

					

sudo nano /etc/apache2/mods-available/pagespeed.conf

Modifica il file come mostrato di seguito:

<Location /pagespeed_admin>
    Order allow,deny
    Allow from localhost
    Allow from 127.0.0.1
    Allow from remote-ip-address
    SetHandler pagespeed_admin
</Location>

<Location /pagespeed_global_admin>
    Order allow,deny
    Allow from localhost
    Allow from 127.0.0.1
    Allow from remote-ip-address
    SetHandler pagespeed_global_admin
</Location> Salvare il file e riavviare il servizio Apache.
					

sudo systemctl restart apache2

Quindi, apri il tuo browser web e digita l’URL http://192.168.15.110/pagespeed_adminper accedere all’interfaccia web Mod_pagespeed.

Mod_pagespeed è ora installato e configurato sul tuo server.

 


Leggi Anche  Come utilizzare SEO Writing Assisstant in WordPress per migliorare la SEO